Il dolore, l'amore, la liberazione

Solo il grande dolore, scriveva Nietzsche ne La gaia scienza, "costringe noi filosofi a discendere nelle estreme profondità di noi stessi e a sbarazzarci di ogni fiducia, d'ogni bontà, d'ogni infingimento, d'ogni mansuetudine, d'ogni via di mezzo, di tutto ciò in cui forse una volta abbiamo riposto la nostra umanità" (Prefazione alla seconda edizione, 3, trad. F. Desideri). E' una delle possibilità del dolore, che può avere anche una funzione igienica, se quella che abbatte era una finta bontà, se l'umanità era riposta in qualche fragile finzione borghese. Ma nella profondità nella quale il dolore ci ricaccia c'è la possibilità di conquistare una positività più alta, una umanità più vera, una bontà più solida. Sotto i colpi del dolore, si subisce un processo più o meno completo e radicale di disidentificazione; ci si distanzia, per così dire, da sé stessi; ci si abitua all'idea della morte, ossia della perdita di sé. E' questa disidentificazione che può aprire una visione più ampia e gettare le basi d'una più solida vita morale: poiché purifica il bene da ogni venatura egoistica. Il dolore trascina in quella dimensione transpersonale nella quale soltanto, per Simone Weil, è davvero possibile il bene. 
Sui percorsi che conducono dalla negatività del dolore alla positività dell'amore riflette Michele Illiceto ne Il talamo e la tela. Un libro singolare, che percorre il confine a volte labile tra poesia e filosofia, intrecciando una fitta trama di rimandi filosofici, che è compito del lettore dipanare, lasciandosi provocare dalle suggestioni disseminate pagina dopo pagina. Dal dolore all'amore, dunque. Quell'amore che per un cattolico è legato alla fede. L'impressione di trovarsi di fronte ad una riscrittura di Giobbe è confermata dagli ultimi versi del libro (prima dell'ultimo capitolo, che riporta dei versi di Teresa d'Avila), che sono una citazione di Giobbe 42, 5-6: "Io ti conoscevo solo per sentito dire, ma ora i miei occhi ti hanno veduto". Ma quello che Giobbe incontra, alla fine del suo inquieto e drammatico interrogare, non è un Dio tranquillizzante. Se i suoi interlocutori cercano di convincerlo che, se sta soffrendo, se gli sono capitate disgrazie, è perché ha compiuto qualche colpa (cercano dunque di sostenere una concezione etica di Dio), Giobbe avverte su di sé il peso di un Dio persecutore, indifferente al dolore umano, al di là del bene e del male. E l'intervento finale di Dio non è per spazzare via questa interpretazione che può apparire blasfema. A dire parole giuste su Dio non sono stati gli interlocutori di Giobbe, ma Giobbe stesso, con le sue bestemmie: e per questo Dio lo premia ridandogli i beni che aveva perso in seguito alla scommessa con l'ha-shatan. Una conclusione estremamente inquietante per i credenti. L'esperienza del dolore pone due questioni: se Dio è, e come Dio è. Escluso l'ateismo, per il credente è pressante la seconda questione. Quale Dio permette il male? Per Hans Jonas l'esperienza del dolore, rappresentata emblematicamente da Auschwitz, pone di fronte a una scelta: o un Dio onnipotente, ma non buono; o un Dio buono, ma non onnipotente. A suo parere non è possibile rinunciare alla bontà di Dio, a nessun costo; anzi, anche a costo di rinunciare alla sua onnipotenza, e di credere in un Dio debole. Io ritengo che sarebbe un'avventura non priva di interesse percorrere invece l'altro sentiero: provare a stare al cospetto di un Dio non buono, ma potente. Come Giobbe. Un Dio al di là del bene e del male. A crollare sarebbe, in primo luogo, il nostro narcisismo. E forse distruggere il narcisismo è tutto quello che ha da fare una religione (per questo considero il buddhismo la religione meno imperfetta: è mistica allo stato puro, almeno nella sua forma originaria, non contaminata da pratiche devozionali). 
Dal dolore all'amore è il percorso delle religioni. Dalla sofferenza della condizione terrena - segnata dal peccato per il cristianesimo, da quel disagio (dukkha) che nasce dal desiderio (tanha) per il buddhismo - alla beatitudine della liberazione, che è già su questa terra ("dacci fin da oggi il pane di domani [epiousion]", prega il cristiano). Ma il che modo compiere questa opera alchemica, questa conversione del dolore in gioia, della tristezza in amore? La risposta buddhista è: cambiando il punto di vista. Fino a quando osservi il mondo dal punto di vista del tuo piccolo ego, sarai preda della sofferenza. Ti libererai dalla sofferenza quando imparerai a guardare con uno sguardo più ampio. A considerare il tuo sé come una realtà vuota in un mondo vuoto. Ad abbandonare il tuo sé nel vuoto della non-seità universale. Per un cristiano questa risposta è inaccettabile, perché considera il sé tutt'altro che vuoto - è un'anima creata da Dio - e il mondo tutt'altro che vuoto - è pieno di Dio e delle sue creature. Come mostra Illceto, per un cristiano il percorso da compiere va dalla separazione, che è lo stigma del dolore, al Tutto. "Il dolore - scrive Illiceto - è sempre dolore della parte che si vede fuori da ogni inclusione. Amore ferito di una parte a cui manca. In esilio da un Tutto che più non lo comprende" (p. 110). Il percorso dell'esistenza, dall'essere-gettati heideggerianamente della nascita in poi, è un percorso di ricerca di questo Tutto da cui siamo esiliati, da questa unità che ci sfugge. E ci sfugge, nota acutamente Illiceto, perché lo cerchiamo nel posto sbagliato. Cerchiamo il Tutto in noi, come se fosse qualcosa che si può possedere restando individui, quasi si trattasse di un bene da privatizzare. "Cercarlo in noi è rubarlo agli altri. Cercarlo in loro è restituirlo anche a noi. Perché il Tutto non sarà mai dove sarò solo io. Né dove sarai solo tu. Ognuno di noi è soglia di questo Tutto in cui io e te saremo insieme. Perché laddove siamo, mai abbastanza siamo. Esso sarà dove io e te saremo l'uno per l'altro. L'uno nell'altro" (p. 179). Il percorso da dolore all'amore è tutto qui. E' il percorso che va dall'io-contro-tutti all'io-nel-Tutto. E' un percorso che Aldo Capitini faceva cominciare dal "dire tu", espressione con la quale indicava un'apertura infinita all'altro - infinita nel senso che in questa apertura l'altro si mostra come un ente esposto alla morte, eppure dal valore infinito. La sofferenza salva, allora, nel momento in cui ci costringe a fare i conti con la nostra limitatezza, ad esplorare i confini del nostro io, a ridiscutere le modalità relazionali abituali, che in una società capitalistica sono fondate sulla competizione e l'individualismo. A cercare l'altro in me, superate le gabbie dell'ego. E' un percorso che Illiceto compie da cristiano, ma che ha un valore universale, trascende fedi e filosofie, ed ha da sé la forza e la solidità dell'esperienza.

*** 

Il 13 luglio se n'è andato Arturo Paoli. Il mio ateismo non mi ha mai impedito di considerarlo uno degli uomini più grandi che il nostro paese abbia avuto nell'ultimo secolo, e di guardare alla sua presenza umile di ultracentenario come ad una riserva di purezza morale in un'Italia sempre più sporca, sempre più macchiata da un'economia sbagliata che genera mostruosità senza fine. Ora che fratello Arturo non c'è più, restano i suoi scritti a continuare la sua presenza - così come restano gli scritti di Capitini, di Dolci, di Lanza del Vasto, di padre Balducci. Li ho ripresi, i suoi libri, in questi giorni. La mia copia di Camminando s'apre cammino porta la sua dedica: "Ad Antonio, con l'augurio di scoprire la vita come un rinascere". Non c'è augurio più bello, per me, in questi giorni, in questa fase della mia vita. Una fase in cui più che in altre sento di riuscire davvero a capire, a vedere, a sentire verità che ho sempre riconosciuto, ma che non sono mai diventate carne e sangue. Rinascita e liberazione sono le parole-chiave del pensiero e del lavoro - del pensiero che si fa lavoro - di fratello Arturo. Non tutti i suoi scritti mi hanno entusiasmato; alcuni, come Il sacerdote e la donna, mi hanno lasciato per un po' pensoso, benché ammirato dall'eleganza davvero classica dello stile; ma il Dialogo della liberazione è una di quelle opere che non ti stanchi di leggere e meditare per tutta la vita. Fratello Arturo riesce a scrivere un grande libro di mistica e, al tempo stesso, un grande libro di etica: risolvendo a modo suo, con straordinaria semplicità, l'annosa questione dei rapporti tra mistica ed etica. 
Questo sacerdote non ha timore di dire che "la fede deve sparire come virtù intellettuale, come forza dell'io" (p. 17), poiché non si tratta di credere in Cristo, ma di essere Cristo. Ed essere Cristo, detto in un modo comprensibile ed accettabile per un ateo, significa scendere alle radici dell'essere. Fratello Arturo parla di "sparizione del dualismo", e sembra di sentire un maestro dell'Advaita Vedanta, uno Sri Ramaha Maharshi o un Nisargadatta Maharaj. Superare il dualismo tra l'io e l'essere, tornare alle radici, oltrepassare l'io. E' il messaggio della mistica di ogni tempo, di ogni luogo. E come ogni mistico autentico, fratello Arturo sa che questo oltrepassamento è doloroso. Bisogna fare i conti con la povertà del proprio essere, con il nulla che siamo, e quel nulla ridurlo ancora a nulla, nullificarsi affinché l'altro dall'io sgorga come una sorgente d'acqua in un alveo cavo. 
Questa è la via contemplativa, la via che ha le stesse tappe, le medesime stazioni, perfino lo stesso linguaggio nelle diverse tradizioni religiose. Ma, avverte fratello Arturo, non è l'unica via. Una via alternativa è la via politica, "il desiderio di rifare un mondo nuovo nella verità" (p. 19). Ed è su questa via che il cristiano ed il marxista possono camminare insieme. Uno psichiatra spagnolo gli scrive: "Se fossi nato nel terzo secolo, sarei cristiano. Siccome sono nato in questo secolo, sono marxista" (p. 277). E fratello Arturo corregge: "Sono marxista perché sono cristiano" (p. 278). Essere cristianamente marxisti, o marxianamente cristiani, vuol dire pensare la liberazione, che dev'essere storica e politica, senza perdere la consapevolezza della realtà del peccato. Pensato al di fuori dei tradizionali schemi sacramentali, il peccato appare come l'incapacità di amare, una forza di diminuzione che si oppone ad una più piena realizzazione dell'essere. Il capitalismo è per essenza una struttura economica di peccato. Ma non basta rovesciare il capitalismo, se non si va al fondo del peccato, che è "rifiuto di Dio in quanto Essere" (p. 48). L'uomo può cercare di essere qualcosa di più (si pensi al ser mais di Paulo Freire) solo se non è il risultato di un contesto storico, di condizionamenti sociali ed economici, ma è legato a qualcosa di più profondo, una pienezza che lo spinge a sottrarsi ai condizionamenti storici ed a realizzarsi pienamente. E' l'Essere che "mi chiama a una liberazione dolorosa dalle alienazioni per discendere al mio vero io" (p. 48). Parole che vanno lette non dimenticando quanto s'è detto sul trascendimento del semplice credere in Dio. Non c'è rivoluzione autentica senza un contatto con quanto di più profondo è in noi, che il credente chiama Dio, e in non credente può chiamare Essere. Una presa di contatto che è resa sempre più difficile nella società capitalista dalla stessa educazione che, denuncia fratel Arturo, dovrebbe essere "una formazione alla verità mediante la povertà, l'umiltà, la disposizione di sé", mentre è l'esatto opposto: "una educazione al potere economico, al potere di comando, all'abilità di saper disporre degli altri" (p. 71). Provate a dare uno sguardo alle "competenze" che si vuole che i sistemi educativi coltivino nelle nuove generazioni: vi troverete le stesse cose, ma dette con altre parole, meno sincere. 
Sono profondamente convinto che quella della liberazione debba essere la categoria fondamentale della nostra riflessione e della nostra prassi di oppositori del capitalismo. Le tristi vicende politiche degli ultimi decenni nel nostro paese mostrano che libertà è una parola che può diventare una bandiera per la destra neoliberalista. In una società capitalista, tutti vogliono la libertà, e tutti credono di averla. La libertà si acquista con il denaro, e consiste nel possesso di una certa quantità di beni. La liberazione è un'altra cosa. Nasce, spiega fratel Arturo (e spiegano con lui i grandi maestri della teologia, della filosofia, della pedagogia della liberazione: Freire, Boff, Boal, Dussel...), da una profonda insoddisfazione per la realtà così com'è, e comincia un movimento di progressiva umanizzazione, di lotta contro l'alienazione in nome di ciò che è più profondo - e vero. 

M. Illiceto, Il talamo e la tela. Laddove il dolore incontra l'amore, Morlacchi, Perugia 2015. 
A. Paoli, Dialogo della liberazione, Aragno, Torino 2012 (prima edizione 1969).

Nessun commento :

Posta un commento