Žižek e il buddhismo

Slavoj Žižek
Nel suo ultimo libro tradotto in italiano, Evento (Utet, Torino 2014), Slavoj Žižek ripropone la tesi, già presentata in Credere (Meltemi, Roma 2005) del Buddhismo come "perfetto supplemento ideologico del capitalismo" (p. 75). Il mondo, spiega, va troppo veloce, ed è difficile tenersi al passo. "Il ricorso al Taoismo o al Buddismo offre una via d'uscita da questa difficile situazione, più efficace di un disperato rifugiarsi nelle vecchie tradizioni: anziché cercare di fronteggiare il ritmo accelerato del progresso tecnologico e dei mutamenti sociali, si dovrebbe piuttosto rinunciare allo sforzo di mantenere il controllo su ciò che accade, rigettandolo come espressione della moderna logica di dominazione" (ibidem). La meditazione buddhista è il modo migliore per vivere nel mondo capitalistico salvaguardando la salute mentale (ivi, p. 76).
Ora, chiunque conosca un po' il pensiero buddhista, sa che più che di buddhismo occorre parlare di buddhismi - esattamente come, parlando di cristianesimo, occorre distinguere non solo il cattolicesimo dal protestantesimo o dai Testimoni di Geova, ma anche Tommaso d'Aquino da Eckhart, Müntzer da Calvino. Žižek invece non solo ignora la complessità del pensiero e delle scuole buddhiste, ma addirittura considera equivalenti buddhismo e taoismo, evidentemente accomunati dall'essere tradizioni orientali.
Una approssimazione non minore, nel ragionamento di Žižek, riguarda il capitalismo. Cos'è il capitalismo? Si può ricondurre davvero ai mutamenti tecnologici ed al mutamento sociale? Non c'è altro? La base del capitalismo è il consumismo. Il sistema capitalistico si regge sull'acquisto di beni di consumo. L'acquisto si basa a sua volta sul desiderio. Una società capitalistica è una società nella quale le persone desiderano beni di consumo e li acquistano. Senza questi soggetti desideranti, il capitalismo crollerebbe.
Come è noto, il buddhismo parte da una diagnosi della condizione umana, considerata piena di sofferenza e di disagio (dukkha). Questo disagio, nell'analisi del Buddha, nasce esattamente dal desiderio. La liberazione dalla sofferenza è possibile solo se ci si libera dal desiderio, incluso il desiderio stesso di ottenere il nirvana. Il soggetto buddhista è un soggetto non desiderante, e come tale poco utile al sistema capitalistico.
Affermare, come fa Žižek, che l'illuminazione buddhista è "il completo distacco interiore dalla realtà materiale" (p. 74) - per cui l'atto sessuale di un "illuminato" non sarebbe troppo diverso dall'osservare l'amplesso tra due sex toys - significa avere una percezione molto approssimativa di quella pratica centrale nel buddhismo che è la meditazione. Che non consiste nel distacco dal mondo materiale, ma al contrario proprio nel contatto costante con sé stessi ed il mondo. La meditazione vipassana si propone di condurre alla costanza presenza mentale: qualunque cosa faccia, un buddhista dev'essere pienamente presente, ed a questo lo abitua la meditazione.
Žižek continua notando la convergenza tra la dottrina buddhista del non-sé ed i risultati delle neuroscienze, che "ci stanno dicendo che la nozione di 'Sé' come soggetto libero e autonomo è una mera illusione di prospettiva" (p. 76). E' vero, ed è la dimostrazione che, per quanto sia anch'esso pieno di superstizioni (o cose che appaiono tali ad uno sguardo superficiale), il buddhismo resta la religione che meglio si accorda con la scienza. Ma per Žižek la rinunzia ad un sé "libero e responsabile" (p. 84) è impossibile, e costringe il buddhismo ad una serie di vicoli ciechi. Il nirvana cambia solo il nostro atteggiamento verso la realtà, o cerca di trasformare la realtà in modo che gli esseri siano davvero felici? Come si conciliano la concezione del non-sé e l'azione etica in favore dell'altro? Se l'altro è un non-sé, perché provare compassione verso di lui? Come distinguere l'illuminazione raggiunta attraverso la meditazione dalla felicità raggiunta attraverso "pillole magiche (che si tratti di false credenze o di surrogati chimici)" (p. 83)?
Il primo apparente vicolo cieco nasce dall'ignoranza dei rapporti che, nel buddhismo, esistono tra processi mentali e realtà fenomenica. Secondo la dottrina della genesi interdipendente (o coproduzione condizionata), la sofferenza, la vecchiaia e la morte sono gli ultimi anelli di una catena che si origina dall'ignoranza (avidya), ossia da un'errata percezione della realtà. Superare l'ignoranza, vedere la realtà per quello che è, significa dunque cambiare la realtà stessa. E' per questo che i buddhisti, dopo aver meditato, esprimono l'augurio che la loro pratica possa contribuire al risveglio ed alla liberazione dalla sofferenza di tutti gli esseri viventi. Il buddhismo cerca dunque di cambiare effettivamente il mondo affinché tutti gli esseri siano felici; per usare un'espressione di Shantideva (Bodhicaryavatara, III, 32), esso imbandisce "il banchetto della felicità, che sazia tutti coloro che vi convengono" (trad. Claudio Cicuzza).
L'altra questione è più complessa. Perché agire in favore di un essere vivente, se la sua esistenza è vuota? Dal punto di vista della vacuità, il dolore non esiste, perché non esiste il soggetto sofferente. Perché allora dovremmo provare compassione? Per rispondere bisogna considerare la distinzione, che Žižek sembra ignorare, tra verità assoluta e verità relativa, propria del buddhismo mahayana. Il punto di vista assoluto è quello della vacuità: e da questo punto di vista nulla esiste di sostanziale. Con il linguaggio della scienza contemporanea potremmo dire che, da un punto di vista assoluto, nessuna delle forme che osserviamo quotidianamente esiste. Non esistono i corpi, ma un fluttuare di atomi e di particelle subatomiche. E tuttavia noi viviamo in un mondo fatto di corpi. Se confondessimo i due piani, e pretendessimo di muoverci nel mondo come se i corpi non esistessero, la vita diventerebbe molto difficile. Sul piano della verità relativa i corpi esistono, e bisogna tenerne conto. E lo stesso vale per la sofferenza. Il Dhammapada, il testo fondamentale dell'etica buddhista, dice che non bisogna uccidere nessun essere vivente perché ognuno di essi, come noi, ha paura della sofferenza e della morte. "Tutti temono il bastone / tutti sono atterriti dalla morte. / Considerando gli altri come se stesso, / un uomo non dovrà né uccidere né far uccidere" (Dhammapada, X, 1; trad. Claudio Cicuzza). Un'etica altissima, che fonda il rispetto dell'altro (e qui si tratta non dell'altro umano, ma di qualsiasi essere vivente) sulla reciprocità. Ma il presupposto di questo discorso è che, appunto, esiste l'altro, che è come me, che cerca la felicità ed incontra la sofferenza.
La vacuità, afferma Nagarjuna, uno dei più grandi pensatori del buddhismo mahayana, è come un serpente: se lo si afferra male, uccide. Commentando queste parole, Candrakirti spiega che chi conosce realmente la vacuità evita i due errori di sostanziarla, ossia di concepire la vacuità come un essere, e di rifiutare la verità relativa del mondo, passando dal percepire l'esistenza del mondo (posizione dell'uomo comune) al percepirne l'inesistenza. "Non rifiutando poi la verità relativa del mondo - paragonabile a un'immagine riflessa - non rifiuta nemmeno l'atto e il suo frutto, il bene e il male morali ecc." (Prasannapada, XXIV, 11, trad. Raniero Gnoli).
Quello che si perde è il valore metafisico dell'etica. Il pensiero occidentale ha tentato per secoli di fondare metafisicamente l'etica: di dimostrare, cioè, che la nostra azione morale ha profonde rispondenze nel seno dell'universo; che chi fa il bene si ricongiunge, con il suo atto, all'origine stessa del mondo. Questo tentativo è entrato in crisi nel pensiero post-hegeliano. A credere che al fondo dell'essere ci sia il Bene sono ormai solo i credenti, e con difficoltà sempre maggiori. Per il buddhismo, l'essere è vuoto: e sul vuoto è difficile costruire un'etica.
In filosofia morale possiamo distinguere due questioni: quella della determinazione del bene morale e quella della giustificazione del bene morale. Il primo problema consiste nel capire cosa è bene e cosa è male. Nel caso del buddhismo, il bene è rispettare ogni forma di vita, evitando di compiere violenza nei suoi confronti. E' l'etica dell'amore universale (metta). Ma perché rispettare ogni forma di vita? Come abbiamo visto, il Dhammapada risponde che occorre farlo perché ogni essere vivente, come noi, cerca la felicità. Ma questo è il punto di vista relativo. Dal punto di vista assoluto, non ci sono né io, come cercatore di felicità, né quell'essere. L'etica ha dunque un valore relativo; al tempo stesso, però, essa è una via che conduce verso la visione della vacuità. Nella interpretazione buddhista, che mi sembra vera, il male nasce dall'io. E' l'ego che, guidato dal proprio istinto di autoconservazione, sottomette a sé ogni alterità e ne fa un semplice strumento. Del resto, dopo Nietzsche e Freud lo stesso pensiero occidentale non nutre molta fiducia nei confronti del soggetto. Il soggetto "libero e responsabile" di Žižek è invece pronto a qualsiasi crudeltà pur di affermare sé stesso. Quando compie il bene, è perché un soggetto più grande di lui - Dio o lo Stato o il Padre - lo costringe.
Nell'ottica buddhista, il bene nasce quando l'ego molla la presa. Man mano che esso si fa evanescente, viene superata anche la radice del male. Il bene non ha alcuna sostanzialità, non si sottrae al vuoto, come tutto il resto; di per sé, è un concetto come gli altri, mentre la conoscenza assoluta è al di là di ogni distinzione concettuale. Nella realtà relativa in cui gli esseri soffrono, riconoscere e rispettare la loro sofferenza vuol dire fare un passo oltre l'ego, ossia oltre la realtà relativa stessa. L'etica è quella pratica che, ancorata nel relativo, ci conduce oltre la verità relativa nella quale tutto sembra assoluta, verso quella verità assoluta nella quale tutto è relativo.
L'ultima questione che inquieta Žižek è, dal punto di vista buddhista, un falso problema. Come distinguere l'illuminazione autentica da un'illuminazione provocata da false credenze o sostanze chimiche?, chiede. In realtà, il buddhismo stesso fa ricorso a "false credenze", o a qualcosa di molto simile. Nella terminologia buddhista si chiamano upaya, "mezzi abili". Nel Sutra del loto la loro funzione viene spiegata con l'apologo del padre di famiglia che convince i figli ad abbandonare la loro casa in fiamme dicendo loro che fuori dalla casa li aspettano dei giochi bellissimi. Se venisse inventata una pillola che conduce rapidamente all'illuminazione, essa potrebbe rientrare senz'altro in questi "mezzi abili".

1 commento :

  1. [L'altra questione è più complessa. Perché agire in favore di un essere vivente, se la sua esistenza è vuota? Dal punto di vista della vacuità, il dolore non esiste, perché non esiste il soggetto sofferente. Perché allora dovremmo provare compassione?]

    Ma per chi un tale problema e' veramente un problema? Chi veramente cambia il suo modo di pensare, essere, agire per tali considerazioni? O si sente la compassione o non se la sente, e la filosofia viene dopo come razionalizzazione di chi vuol dirsi "cio' che faccio, cio' che sono, l'ho scelto io", non ti pare?

    RispondiElimina