L'amicizia educativa

Jean Leon Gerome Ferris, Aristotele
maestro di Alessandro Magno 
L'educazione è una faccenda di amore. Entrare con qualcuno in una relazione educativa - cosa che non accade soltanto nelle situazioni educative formali: a pensarci bene, anche una relazione sentimentale autentica è una relazione educativa, se si intende l'educazione come co-educazione; e l'amore non finisce forse quando non ci si educa più a vicenda? - vuol dire desiderare ardentemente il suo bene, considerare la sua persona come qualcosa di assolutamente prezioso, fare di quel tu, kantianamente, sempre un fine e mai un mezzo, e vigilarsi costantemente per liberarsi da ogni sentimento negativo che possa nascere nei suoi confronti (perché anche l'amore, come ogni luce, ha le sue ombre).
Se una differenza c'è, tra la relazione sentimentale e le altre forme di relazione educativa, è che nel primo caso c'è un coinvolgimento fisico che negli altri casi manca. Ora, l'amore, tolto il sesso, è amicizia. E la relazione educativa è, appunto, una relazione di amicizia. La più alta.
Pare che educatori e pedagogisti di destra e di sinistra, conservatori e progressisti, siano d'accordo nel disprezzare l'educatore che si pretende amico di suo figlio o del suo studente. E', dicono, una figura patetica, che rinuncia al suo ruolo nel tentativo di ottenere un riconoscimento ed una soddisfazione tutto sommato narcisistica. C'è una distanza necessaria, assicurano, da tenere nell'educazione; se si annulla questa distanza, pretendendo l'amicizia, si rinuncia semplicemente ad essere educatori.

C'è del vero e del falso, in questa posizione. C'è - è vero - qualcosa di patetico e di ridicolo nell'adulto che scimmiotta l'adolescente, perché è sempre patetico e ridicolo chi cerca di essere quello che non è. Al tempo stesso, c'è della bellezza nella comunicazione tra persone di generazioni diverse, nello scambio culturale, nel confronto non unilaterale ma aperto. Non sempre l'adulto che ascolta la musica degli adolescenti sta cercando di assomigliare a loro; spesso sta semplicemente rifiutandosi di disconfermare l'identità culturale di suo figlio o del suo studente, consapevole che una tale disconferma rende molto difficile qualsiasi dialogo educativo.
Se si pensa il rapporto educativo come un rapporto necessariamente asimmetrico, è evidente che non si può parlare di amicizia educativa, poiché i rapporti di amicizia sono rapporti paritari e simmetrici. Gli amici sono sullo stesso piano; se uno dei due tenta di occupare una posizione di predominio - o la ottiene per un cambiamento di status -, è difficile che l'amicizia continui; certo, non resta la stessa. Ma un rapporto di amicizia non è soltanto simmetrico, è anche dinamico. Quando un'amicizia è autentica, profonda e viva, ha un potere trasformativo. Come gli amanti, gli amici non si limitano a fare cose insieme, a passare del tempo, a divertirsi, ma crescono insieme. Si può considerare la crescita comune come una caratteristica essenziale dell'amicizia, senza la quale essa degenera e diventa qualcosa di inferiore - possiamo parlare, considerando anche le sue implicazioni politiche, di cameratismo.
Afferma Aristotele nell'Etica Nicomachea che esistono tre forme di amicizia. C'è, in primo luogo, l'amicizia fondata sull'utile, che si ha tra persone che "si amano non per se stessi, ma in quanto deriva loro qualche bene all'uno dall'altro" (1156a). Segue l'amicizia fondata sul piacere, vale a dire il legame che unisce persone che sono reciprocamente gradevoli. Queste due forme di amicizia per Aristotele sono accidentali, perché chi è amato non lo è per la sua essenza, per quello che è, ma per l'utile ed il piacere che procura. Il terzo genere di amicizia è quella fondata sulla virtù. E' il legame che si stabilisce tra persone buone che ricercano la virtù. Questa è per Aristotele l'amicizia perfetta, ed anche la più durevole, perché la virtù non è mutevole come l'utile o il piacere.
Se è vero quello che afferma Spinoza nell'Etica, e cioè che "il bene, che ognuno che persegue la virtù appetisce per sé, lo desidera anche per gli altri uomini" (IV, proposizione 37), allora colui che cerca la virtù è anche colui che è capace della forma più alta di amicizia. Ora, è esattamente questo il profilo dell'educatore. Che non è colui che possiede la virtù e ne rappresenta l'incarnazione più o meno perfetta, ma appunto una persona che si è incamminata verso la virtù: che cerca senza sosta il bene, che si interroga, che si inquieta per la giustizia. Chi è impegnato in questa ricerca desidera che anche gli altri la condividano, ed è questo desiderio che lo porta ad incontrare profondamente gli altri ed a stabilire con loro rapporti di amicizia. Per questa via chi è in cerca del bene è sempre educatore degli altri.
Bisogna notare, tuttavia, una differenza importante tra l'amicizia educativa e l'amicizia così com'è comunemente intesa. Due amici si sono scelti liberamente e continuano a scegliersi ogni giorno, esattamente come due amanti. Il loro legame è fondato sulla stima reciproca, sul fatto che uno avverte nell'altro la presenza di qualità che lo rendono amabile. Questo non sempre accade in una relazione educativa. Può essere che un insegnante si trovi di fronte degli studenti che non hanno alcuna qualità positiva; che gli appaiano, al contrario, chiusi ad ogni ricerca del bene, cinici, arroganti, con atteggiamenti che fanno nascere in lui sentimenti negativi. Che fare? Come potrà amarli, se non sono amabili?
Un educatore si riconosce per la capacità di avere un duplice sguardo. Da un lato, è capace di guardare il volto dell'altro: ha un'attenzione assoluta per quello che l'altro è qui ed ora, sa interpretare con finezza e profondità le esigenze, i bisogni, le emozioni, le aspirazioni positive e negative della persona che ha di fronte. Dall'altro, non si limita a questo sguardo, ma lo completa e lo supera con un secondo sguardo: quello che gli permette di cogliere l'altro dell'altro. L'educatore, cioè, non vede solo quello che l'altro è adesso, ma anche quello che l'altro può diventare. Negli occhi dello studente cinico scorge l'adulto sincero ed appassionato del bene che quello studente potrà diventare, se aiutato. E questo sguardo ha un carattere liberatorio per coloro su cui si posa. Si può dire che, dal punto di vista spirituale, la bellezza emerge grazie allo sguardo dell'altro; e l'educazione è appunto questo sguardo - amorevole, esigente, inquietante - che fa emergere la bellezza lì dove sembra non esserci.

Articolo per la rubrica Educazione e libertà nel sito Il bambino naturale.

Nessun commento :

Posta un commento