Il culto paradossale della croce

L'Adam era in principio presso Dio, nel paradiso. Il suo peccato è consistito nel mangiare dall'albero del bene e del male. Sono propenso a credere che il peccato non sia consistito nell'aver disubbidito, ma semplicemente nell'atto in sé. Dio, cioè, non minaccia, ma avverte riguardo alle conseguenze di un atto in seguito al quale le cose non saranno più come prima.
Ora, cosa cambia? La conoscenza del bene e del male è esattamente ciò che rende possibile la conoscenza di Dio. Poiché Dio è Bene, è impossibile conoscere Dio senza distinguere il bene dal male. L'atto dell'Adam è dunque ciò che rende possibile il culto di Dio. Ed è questo il peccato. Nel momento in cui l'Adam vede Dio come buono e gli rende culto, il paradiso dell'unità è perso. E comincia la storia.
Morendo sulla croce, Dio si sottrae come Dio-Buono, ossia come Dio tout court. Cerca di porre fine alla caduta dell'uomo distruggendosi come Dio, morendo come Dio: aprendo l'epoca dell'ateismo, ossia dell'essere-in-Dio che rende impossibile ogni culto di Dio. Ma le tenebre, dice Giovanni, non hanno accolto la luce. Ed è cominciata l'epoca del nuovo culto. Il culto, paradossale, della croce, ossia del Dio che è morto. 

0 commenti:

Posta un commento

Printfriendly